Assistenza PC: consigli per non farsi fregare

Una  recente indagine di Altroconsumo ha puntato il dito contro i riparatori di PC. Dopo aver scollegato leggermente un modulo RAM, l’agenzia di tutela ha portato i laptop “non più funzionanti” in differenti negozi, di cui ha pubblicato le diagnosi e il conto presentato per riparare il “danno”. I risultati sono stati dei più vari, e alcuni grotteschi, con diagnosi di motherboard rotte e centinaia di euro necessari per la riparazione. Alcuni di questi riparatori sono insorti, e ci hanno anche contattato lamentando un atteggiamento scorretto da parte di Altroconsumo, nonché un’informazione totalmente errata su come sono andate realmente le cose. Da che parte sta la ragione, al momento, non ci interessa, poiché se c’è una cosa vera, è che i riparatori si trovano spesso in condizioni di potersene approfittare. Ora non voglio definire una percentuali di onesti e disonesti, ma il problema esiste, ed è giusto sottolinearlo.

Sono un appassionato di tecnologia dall’era del Commodore. Già a 14 anni, dopo la scuola, lavoricchiavo in un centro di vendita e assistenza PC, e purtroppo posso confermare in prima persona di aver assistito ad alcuni episodi di disonestà.

PC Pro UK ha pubblicato un articolo (Confessions of a computer repairman), in cui ha raggruppato alcune confessioni di riparatori, che esemplificano le pratiche scorrette più diffuse adottate dai centri di riparazione. Vediamone alcune.

Bye Bye PC: alcuni riparatori si fanno pubblicità semplicemente con dei volantini in cui lasciano solamente il numero di telefono. Può capitare che se chiamate quel cellulare, il fantomatico riparatore si offra di passare a vedere il vostro PC, ma per ripararlo abbia la necessità di portarlo in laboratorio. Ecco che il vostro computer prende il volo… Si, sparito, rubato.

Meglio uno nuovo: portate un laptop in un negozio, magari con un semplice problema di boot (qualcosa che si è scollegato all’interno, o il caricatore mal funzionante). Il riparatore vi dice che il danno è molto grave, che non vale la pena ripararlo, e vi fa un’offerta di poche decine di euro per ritirarlo e farvi uno sconto su un nuovo laptop. Ovviamente lui si sta appropriano di un laptop dal valore molto più alto, che può rivendere.

Troppo lento: se il vostro computer è troppo lento, un tecnico può fare un bel aggiornamento di driver, pulire il registro, ottimizzare il boot, riorganizzare il disco. Insomma, tanti interventi software che possono migliorare la velocità. Quando però ve lo restituisce, vi dirà che ha dovuto aumentare la memoria, ovviamente a prezzo salato.

20 euro per smontarlo: il tecnico vi chiede 20 euro per smontare il computer e fare la diagnosi, e voi accettate. Quando ritornate ci sarà pronta una bella lista di problemi da risolvere e pezzi da cambiare. Se non accettate, il tecnico non può obbligarvi, ma vi chiederà altri 20 euro per rimettere il computer assieme. 20 euro erano per smontarlo….

Schermo nero, può essere tutto: Se il vostro computer non si accende più, o meglio, lo accedente e lo schermo non mostra alcuna immagine, spesso e volentieri è la scheda grafica che non è collegata correttamente. L’intervento dura solo pochi secondi, ma è una grande opportunità per farvi cambiare sia la scheda grafica che il monitor.

Il computer super potente: quante volte avete visto locandine con configurazioni di PC fantasiose e componenti del tipo “potente scheda video”? Tante volte. Chi acquista un PC assemblato spesso e volentieri non ne ha mai visto uno all’interno, soprattutto perché “se aprite il case, la garanzia decade”. Ecco una buona opportunità per vendere una configurazione e farne pagare un’altra.

Addio privacy: quando portate un notebook o PC in assistenza, siete costretti a dare al tecnico le vostre credenziali di accesso al sistema (se esistono). Anche se non lo fate, i metodi per sorpassare queste barriere sono molti e vari. Ebbene, a parte le vostre foto intime, film e canzoni, che diverranno parte della collezione del tecnico di turno, il rischio è anche del vostro conto in banca. Ci sono situazioni documentate in cui dei tecnici hanno cercato di accedere ai conti bancari, grazie alle funzioni di memorizzazione dei dati utente da parte dei browser.

Riparazioni fantasma: le più comuni, dove un semplice connettore scollegato si trasforma in una lunga lista di interventi e interi pomeriggi di lavoro, che si traducono in un conto di centinaia di euro.

Incompetenti e pigri: se siete esperti, cercherete di risalire al problema del sistema in base ai sintomi, e proverete alcune soluzioni. Se non lo siete, prenderete un bel disco di Windows e formatterete immediatamente il sistema. E i dati personali del cliente?

L’assicurazione: perché riparare il PC, quando è più semplice stilare un rapporto in cui a causa di un temporale il computer è andato distrutto. Il cliente si ritrova un bel computer nuovo, e il venditore un computer vecchio (che ha sempre un valore) e una bella vendita a spese dell’assicurazione del cliente. Che correttezza…

Addio licenze: come per i propri dati personali, i tecnici possono accedere ai vostro software, recuperare le licenze e riutilizzarle a loro piacimento. Peccato che in questo modo, voi clienti, che avete acquistato regolarmente il software, vi ritroverete con un software disattivato e anche delle probabili conseguenze legali.

Eccoci qui con una bella lista di situazioni che ci danno consigli su come dobbiamo comportarci in caso di guasto al PC. Ovviamente questi consigli valgono per tutti coloro che non hanno esperienze tecniche, poiché in questo caso, molto probabilmente, non sarà necessario rivolgersi ad alcun tecnico o presunto tale.

Prima di tutto, diffidiamo degli annunci da bacheca, non sapremo mai chi potremmo trovarci davanti; non ci sono abbastanza garanzie. Quando portate un laptop o un PC in un centro assistenza, chiedete sempre una diagnosi, e specificate di non fare alcun intervento senza il vostro permesso. Chiedete prima quanto vi costerà la diagnosi, e se il tecnico è onesto, molto probabilmente non vi chiederà denaro per un primo controllo (o vi chiederà molto poco). Se, dopo la diagnosi, il tecnico vi presenterà una lunga e costosa lista di interventi, chiedete un secondo o anche un terzo parere, portando il notebook in un altro centro assistenza. Se avete fretta, chiedete subito il tempo di riparazione, e nel caso cambiate riparatore. Fate sempre il backup dei vostri dati se non volete che un guasto improvviso e un tecnico incauto non ve li faccia perdere tutti. Salvate i vostri dati personali su un disco esterno, non salvate nulla all’interno del PC/Notebook se ci tenete alla vostra privacy. Se inoltre accedete a servizi online, come la banca, cancellate sempre la cache, password e cronologia del vostro browser (chiedete aiuto a qualcuno).

Con questi consigli dovreste vivere più tranquilli, e prima di spendere soldi in riparazioni inutili, chiedete sempre aiuto a qualcuno di fidato.

Voglio chiudere dicendo che mi dispiace per i tecnici e riparatori onesti, che sono certo rappresentino la maggioranza dei professionisti. Purtroppo però queste situazioni sono reali, e gli utenti meno esperti, i bersagli di alcuni approfittatori, hanno il pieno diritto di difendersi.

 

Condividi

  • Facebook
  • Google Plus
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Email
  • RSS
  • Pingback: Assistenza PC: consigli per non farsi fregare | buonaguida.com

  • Pingback: Assistenza PC: consigli per non farsi fregare | buonaguida.com

  • gnagno

    Puoi dire forte che esistono anche tanti laboratori corretti che svolgono eticamente il proprio lavoro, che alle volte perdono tempo con lo smanettone “furbo” di turno rimettendoci tempo, salute e denaro

  • Ased

    Quando portate il pc all’assistenza tenetevi l’hard disk, ho assistito a scende dove i tecnici mostravano agli amici in laboratorio le foto intime della cliente di turno.

  • Ghhost

    Ho avuto modo do leggere solo ora questo articolo e vorrei commentarlo, per quanto ne valga la pena….e? vero di disonesti ce ne sono molti , ma non tutti e leggendo l’articolo è evidente che di quello che riguarda le riparazioni di pc non ne capisce assolutamente nulla.leggi commenti del genere , per tutelare la privacy è consigliabile rimuovere l’hd prima di portarlo in assistenza, come dire porto la macchina dal meccanico ma prima smonto li motore, e lui poi come la ripara???secondo me o ti fidi o lo tieni a casa rotto.
    poi si parla di monitor che non si accende e si parla di un intervento di pochi secondi; prendiamo ad esempio un portatile, piu’ soggetto a questi fenomeni per via dell’apri e chiudi del pc.potrebbe essere il connettore che si è allentato, oppure la piattina del cavo, o l’attacco sulla piastra o il monitor stesso o qualche configurazioni errata del bios o magari della scheda grafica chi lo sa??? BISOGNA FAR PROVE ED EVENTUALMENTE SMONTARE. e sarebbe disonesto se questo lavoro avesse un costo ?

  • Adrianoeanna

    Manca l’altrettanto diffusa opinione che esistono tecnici onesti che magari fanno questo mestiere da 10 anni. Certo se poi si porta il pc dal cinese che nello stesso negozio fa anche lavori di sartoria…

  • MARKUNCOMBED

    Dunque.. Per quel che riguarda l’articolo direi che può essere un ottimo “spunto” per farsi un idea di quali possano essere le fregature.. Ma bisogna saper distinguere le “esagerazioni” dalle “cose possibili”.

    Innanzitutto :Chiedere aiuto a qualcuno di fidato è nel 70% dei casi.. UNA PESSIMA IDEA.
    La maggior parte dei cosiddetti “Esperti” che si battezzano tali per 5-6-7 anni di “armeggiamento”
    sui computer nel tempo libero finisce proprio per DISINTEGRARE dati personali causa inesperienza, vaporizzare tonnellate di licenze/software pagati e diverse ore di lavoro fatte dall’utente con il classico “Ci penso io” che porta : A) al formattone ignorante (spesso e volentieri accompagnato dalla scarsa cura per la successiva installazione di driver/software vari) B) alla comune tendenza del “ti ci metto il programma A-B-C crakkato” che quest’ultimo ha scaricato via P2P ignorando completamente la possibilità che sia dolcemente accompagnato da Trojan/Keylogger e Malware assortiti” C) Alla sostituzione del “Fidato” al tecnico informatico che quindi vi dirà “no ma guarda che ti ordino online la scheda video la paghi solo 0,0000001 euro e te la monto e dopo sei perfetto”.. anche qui ce ne sarebbe da dire di TUTTI I COLORI su quel che ho visto.. Ordini sbagliati fatti e rifatti / Prodotti senza garanzia che ti funzionano 2 mesi.. E chi più ne abbia più ne metta.

    Dunque : Premettendo che io ho avuto un negozio di riparazioni informatiche ma ora faccio TUTT’ALTRO e mi limito a seguire i miei amici/conoscenti in questioni tipo “mi installi Adobe Flash Player” e poco più eccovi il mio consiglio.

    Non RIVOLGETEVI a qualcuno di fidato per SISTEMARE il computer.. piuttosto fate si che questa persona che “si suppone” se ne intenda vi accompagni dal Tecnico/Centro Assistenza e vi sostituisca per quel che è la questione CALCOLO SPESE / Utilità Reale.

    In spiccioli.. Magari nessuno dei vostri amici conosce a menadito tutte le problematiche che il vostro pc può avere.. Ma può fungervi da filtro per MOLTE delle fregature viste sopra, non sostituendo il riparatore ma semplicemente SCEGLIENDO quello “Piu’ Onesto” Per voi.. Perchè magari l’amico di turno non saprà installare i Driver del co-processore ma sicuramente può dirvi se il tecnico vi sta vendendo un pc da 200 euro per 600 e se vi sta fornendo software o altro non aggiornati.

    IN OGNI CASO: rivolgersi a un tecnico riparatore SPECIALMENTE nel caso di dati sensibili/computer di lavoro è un OTTIMA idea. SEMPRE.

    P.S : Alla fine della “consulenza” offrite al vostro amico una pizza.. SE LA MERITA.