iPhone 5, il migliore mai presentato o la delusione più amara?

Sono passati 6 anni, e siamo al sesto modello di  iPhone. Il nuovo iPhone 5 sarà il modello che tutti dovranno comprare, o forse quello che convincerà meno. Ovviamente con “tutti” intendo “tutti quelli che amano il prodotto Apple e non vogliono passare ad Android o Windows Phone”.

Per ora la strategia dell’azienda è stata quella di offrire prima un prodotto tutto nuovo, poi l’anno dopo una versione migliorata. Dal modello iPhone 3G al 3GS  cambiava la fotocamera, solo leggermente migliore, era più potente, ma solo di poco e lo schermo era coperto da una pellicola oleofobica, che aiutava a mantenerlo più pulito. C’era anche qualche altra differenza tecnica, ma alla fine della giornata le differenze non erano così sostanziali. Solo col passare del tempo il modello 3GS è stato in grado di offrire un po’ di più rispetto al 3G,  sia per quanto riguarda gli aggiornamenti software sia per la velocità generale del terminale.

L’iPhone 4 è stata tutta un’altra storia, dallo schermo Retina a risoluzione superiore, alla migliore fotocamera, alla piattaforma più potente, nonché il design completamente rinnovato. La storia si è ripetuta con l’iPhone 4S, che migliorava la fotocamera, offriva un po’ di potenza in più ma sostanzialmente non cambiava l’esperienza d’uso in maniera determinante. Anche in questo caso la differenza tra i due terminali si è iniziata a sentire qualche tempo dopo; oggi il modello 4S se la cava meglio. Non ci sono però mai state differenze tali dallo spingere veramente ad acquistare un nuovo iPhone il primo giorno, se non la passione, che spesso toglie razionalità dalle proprie azioni.

Come dico ogni volta, il 50% dell’esperienza utente offerta da iPhone, se non di più, è legata all’App Store e alle sua applicazioni. Per questo motivo c’è sempre voluto un po’ di tempo prima che gli sviluppatori traessero vantaggio dalle nuove tecnologie e miglioramenti presenti nei nuovi modelli. Non dico che questa volta cambierà qualcosa, ma iPhone 5 potrebbe essere uno dei modelli più innovativi tra tutti quelli presentati finora,  forse il meno attraente.

Una caratteristica che non è mai cambiata in tutti i cinque modelli precedenti è stata la dimensione dello schermo, una caratteristica in grado d’influire pesantemente  sull’ergonomia del terminale. IPhone 5, anche se ovviamente è tutto ancora da confermare, dovrebbe essere dotato di uno schermo da 4 pollici – almeno -  e di una risoluzione, si spera, superiore. Dico si spera perché secondo  la formula con cui Apple identifica uno schermo Retina, legata anche alla distanza di visione, essendo lo schermo più grande, quindi teoricamente utilizzabile a una distanza “maggiore”, la risoluzione potrebbe anche non cambiare, o solo di pochissimo, per guadagnarsi comunque il titolo di “Retina Display”. Ovviamente speriamo che non sia così, e vedendo il trend del mercato degli smartphone e degli ultimi prodotti presentati, come l’iPad 3 e il MacBook Pro 15 Retina,  mi aspetto una risoluzione almeno di 720p. Purtroppo le informazioni riguardo alla piattaforma hardware non sono ancora chiare, e non si è parlato molto di “A6” con nuovo SoC, il che potrebbe significare che la nuova CPU sia solo un aggiornamento di quella del 4S, e tutto questo non giocherebbe a favore di una risoluzione troppo elevata dello schermo. Tuttavia questo chip da altre notizie potrebbe essere la base di iPhone 5, e quindi portare con se una risoluzione più elevata.

Ad ogni modo, sarà lo schermo il grande protagonista dell’evento, ma solo se sarà accompagnato da una maggior risoluzione (e conoscendo Apple potrebbe anche offrire una risoluzione superiore a quella di qualsiasi altro smartphone in commercio). In caso contrario, solo lo schermo potrebbe non essere sufficiente per fare il grande salto di qualità, ponendo iPhone 5 a livello degli altri miglioramenti passati; se invece la nuova piattaforma hardware, sarà abbinata a un nuovo schermo ad alta risoluzione, probabilmente sarà sufficiente per decretarlo il miglior aggiornamento di iPhone fin dalla sua nascita nel 2007. Insomma, a settembre vedremo il grande passaggio di qualità, o rimarremo con l’amaro in bocca? Dopotutto Apple continua a vendere anche se le innovazioni arrivano con il contagocce..

 

Condividi

  • Facebook
  • Google Plus
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Email
  • RSS
  • Rosario Ricci

    l’unica reale motivazione di introdurre sul mercato un iphone 5 e per supplire ad un gravissimo problema del 4s: la durata della batteria, non era ovviamente possibile ne apportare modifiche hardware ne ammettere errori di progettazione, infatti mi sono tenuto il mio iphone 4, i miei amici con il 4s sono disperati.

  • http://www.facebook.com/people/Ivan-Valenti/1538044431 Ivan Valenti

    bah..disperati

  • Guarino

    io ho sia il 4 che il 4s con 5.1.1 e ti posso confermare che la batteria dura lo stesso tempo e addirittura a volte mi dura di piú quella del 4s. tutti e due con jailbreak