Kobo Aura, testa a testa con il Kindle PaperWhite

Il Kobo Aura è il nemico naturale del Kindle PaperWhite. Come quest’ultimo ha l’illuminazione, monta un pannello eInk con la stessa densità pixel (212 PPI), lo schermo è da 6″. Parliamo del processore? No, la piattaforma hardware rimane un dettaglio marginale. La velocità di cambio delle pagine e delle varie funzioni è sufficiente e soprattutto, molto simile tra entrambi questi due prodotti. In un confronto reale, la differenza di velocità è veramente questione di frazioni di secondo.

kobo-aura-hd1

 

Parliamo invece delle dimensioni fisiche. Il Kindle misura 169 x 117 x 9.1 mm, l’Aura invece 150 x 114 x 8.1 mm. Il Kindle pesa 206 grammi, il Kobo invece 174 grammi. 1 a 0 per l’Aura. Memoria, 2 GB per il Kindle, 4 GB più possibilità d’inserire una Micro SD per l’Aura. 2 a 0 per il Kobo. Parliamo subito del software. Le funzioni Beta dell’Aura, come il browser, sudoku o scacchi non li considero, dopotutto è un eReader. A livello di dizionari sono entrambi efficaci, Kindle ha un sistema più avanzato di gestione dei segnalibri e qualche strumento didattico in più (sottolineatura più libera, possibilità di raggruppare tutti i termini ricercati in un’unica scheda), ma il Kobo ha strumenti più Social, le statistiche di lettura e la funzione parole chiave che identifica da solo i termini più specifici all’interno di un testo. Sono propenso a preferire il Kobo, ma se devo valutare la sola lettura, allora restituisco un pareggio. Anzi no, la funzione Pocket dell’Aura, che permette d’inserire in una sorta di raccoglitore le pagine web per poi rileggerle con tranquillità sull’eReader è molto comoda, va premiata. 3 a 0 per l’Aura.

feature-goesbeyondabook._V357618879_

Il Kobo Aura permette di gestire la luminosità spostando due dita in su o in giù sullo schermo, ma il PaperWhite ha una luminosità più uniforme. La funzione di regolazione con due dita è comoda, ma è più importante l’uniformità dello schermo. 3 Kobo, 1 Kindle. Entrambi hanno le applicazioni per smartphone, tablet e PC, e la possibilità di mantenere i libri sincronizzati. La libreria è confrontabile in termini di quantità di libri. La durata della batteria non è un problema per entrambi. La dotazione di accessori nella confezione è la stessa, un cavo USB e tanti saluti. Il design dell’Aura è “senza gradino”, cioè non c’è alcun rilievo tra cornice e schermo, caratteristica che può piacere o meno.

readingLife-readingDashboard

Il prezzo, 129€ per il PaperWhite e 149€ per l’Aura, 3 a 2 per il Kindle. Per accontentare i più appassionati, e considerando la velocità di reazione, il nuovo Kindle è di qualche frazione di secondo più veloce del Kobo Aura. 3 pari.

Non mi rimane che chiedere a voi cosa ne pensate, ma il Kobo Aura deve di diritto essere considerato uno degli eReader più interessanti del momento.

  2 comments for “Kobo Aura, testa a testa con il Kindle PaperWhite

  1. Gianluca Dell'Olio
    19 novembre 2013 at 13:29

    Sicuramente un prodotto interessante. Francamente ho già comprato l’ultimo modello di Kindle Paperwhite e mi trovo molto bene. 4 Gb non servono a granchè visto che i libri occupano davvero uno spazio irrisorio e in ogni caso Amazon permette di conservarli in uno spazio cloud dedicato oppure semplicemente si possono spostare tramite software su PC. La luminosità del Kindle è davvero fantastica perchè molto uniforme, ho visto quella del Kobo e non mi ha convinto molto, sopratutto in un eReader direi che questa caratteristica conta moltissimo.

  2. Giuseppe Tavera
    20 dicembre 2013 at 12:28

    Anche io ho il Kindle Paperwhite e l’unica cosa che gli manca per essere perfetto è la funzionalità text to speech presente nel Kindle Fire e nelle vecchie versioni di questo dispositivo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *