Internet Apocalypse, tra 4chan, chatroulette e LOLcat

internet_apocalypse_JPG_0x0_q85Ho finito di leggerlo solo pochi secondi fa, e ho come un senso di agitazione, come se qualcosa fosse sbagliato, con la consapevolezza di un’idea giusta, ma che difficilmente potrà cambiare qualcosa nel modo in cui oggi vivo. Fa pensare, e questo è un bene, fa pensare a come Internet oggi invade ogni secondo della nostra giornata, e la domanda che sorge spontanea: è giusto?

Ieri sera, a cena, parlando delle ultime tecnologie con cui ho sempre a che fare, si è intavolato un discorso di come una volta fosse tutto più semplice. Non c’era internet, c’era solo la realtà, quella che un insulto rischiava di procurarti un occhio nero. Chi come me ha almeno trent’anni, io un po’ di più, ha vissuto entrambe le realtà. Quella fisica, reale, genuina di un tempo, quella virtuale, sulla rete, irreale di oggi. Forse è più semplice per chi è appartenuto a una sola di queste due realtà, e vive l’evoluzione tecnologica di oggi come qualcosa che consapevolmente non riuscirà mai a capire fino in fondo, o chi ascoltando i racconti del passato non si capacita come fosse possibile vivere senza Facebook, smartphone e Playstation.

Non bisogna giudicare un libro dalla copertina, ma tutti lo facciamo, e su questo libro non ci avrei scommesso due lire. Ma siccome mi piace sentire la scorza ruvida della carta sotto alle mani, gli ho dato una chance e  “Internet Apocalypse” di Wayne Gladstone si fa leggere, velocemente, e con una storia ironica, fatta da icone trash della rete, da 4Chan ad Anonymous e i LOLcat, immagina cosa possa accadere se da un giorno all’altro Internet svanisse.

Poi ci si renderà conto che la storia è ben altra, ed è questo che fa riflettere, ma dipinge in maniera pressoché perfetta l’Internet di oggi, e la sub cultura dell’internauta accanito che si lascia trascinare dalla corrente dei Meme e di ChatRoulette. Vita reale e super altereghi di noi stessi dietro una tastiera.

Consiglio questo libro a tutti coloro che seguono i trend della rete, astenersi chi non sa cosa sia un LOLcat. E non vale cercare su Google per scoprirlo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *