Home » gadget » Prof, il Kindle mi ha mangiato i compiti

Prof, il Kindle mi ha mangiato i compiti

È accaduto ad uno studente delle superiori, che stava preparando un lavoro scritto su 1984, il famoso libro di Orwell, che Amazon ha cancellato in remoto, senza avvisare i suoi clienti. Aveva preso appunti direttamente sul Kindle, quel tipo di note che, una volta, scrivevamo a margine delle pagine, in lettere piccolissime, così ci stavano.

Cancellato il libro, gli altri dati si sono persi nella rete, inutilizzabili, e il compito è andato a ramengo. Probabilmente l’insegnante non ha apprezzato la scusa, per quanto veritiera, e il ragazzo se l’è presa, così ha denunciato Amazon, e punta ad una class action.

Il succo della denuncia presentata dalla studente è fino troppo scontato: Amazon non ha il diritto di cancellare i miei file, libri, documenti, video o musica che siano. È come se mi entrassi in casa e ti portassi via un libro stampato o un DVD. Non puoi farlo, sennò me la prendo.

Eppure, sarebbe meglio chiedere al giudice che Amazon, e chiunque offra servizi del genere, rinunci alla possibilità tecnica di farlo, magari delegandola a qualcuno o qualcosa che possa essere “super partes”, ammesso che esista. Io per ora mi tengo i libri stampati e le copie in locale, almeno delle cose importanti.

Nota personale: devo ricomprare il DVD del film, la videocassetta ormai è demodé, e non avrei nemmeno modo di vederla.

Nota generale: per un po’ posterò articoli senza immagini. Sto usando una connessione mobile, e dove sto arriva solo il GPRS, quindi devo ridurre la quantità di dati al minimo indispensabile.

Prof, il Kindle mi ha mangiato i compiti Reviewed by on . È accaduto ad uno studente delle superiori, che stava preparando un lavoro scritto su 1984, il famoso libro di Orwell, che Amazon ha cancellato in remoto, senza È accaduto ad uno studente delle superiori, che stava preparando un lavoro scritto su 1984, il famoso libro di Orwell, che Amazon ha cancellato in remoto, senza Rating:
scroll to top