iPad mini e il suo senso. Semplice mossa di mercato per respingere l'assalto dei concorrenti o parte di qualcosa di più grande?" />
Home » Apple » iPad mini è la chiave per la iScuola?

iPad mini è la chiave per la iScuola?

ipad-mini

Questo post lo devo ad Antonio Dini, collega che su Wired ha scritto questo breve pezzo. È da settimane infatti che mi sto chiedendo che senso abbia l’iPad mini. Intendiamoci, non che senso abbia sul mercato: un tablet di dimensioni più piccole del classico iPad ha dignità, e lo abbiamo visto con il Nexus 7 (qui la recensione di Andrea).

Il problema è che Apple (solitamente) non fa niente per niente. Cioè, ha una quota di mercato da proteggere da concorrenti che pian piano stanno iniziando a proporre soluzioni di valore, ma che scopo avrebbe questo iPad sul mercato? Accontentare semplicemente chi “lo vuole più piccolo? Troppo scontato e banale.

Probabilmente sarà così, e queste saranno parole buttate al vento, ma Antonio buttandola lì forse ci ha preso: iPad mini potrebbe essere il tassello più importante della strategia che vuole il tablet sbarcare a scuola. Apple all’inizio dell’anno, precisamente venerdì 20 gennaio, ha tenuto un evento al Museo Guggenheim di New York svelando “il suo ambizioso progetto per entrare nel mondo dei libri scolastici”, così scriveva Valerio.

Non sto qui a spiegarvi in cosa consista, potete leggere la news, ma in effetti di questo nuovo sforzo sono circa 10 mesi che non si parla. L’iPad mini potrebbe quindi rientrare soprattutto in quella strategia, secondo me il ragionamento fila. Staremo a vedere, probabilmente il 23 ottobre sapremo tutto. Voi che ne pensate? Sto cercando di dare un senso troppo “alto” al nuovo tablet di Apple? Fatemi sapere! :)

Condividi in rete

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • RSS
iPad mini è la chiave per la iScuola? Reviewed by on . Questo post lo devo ad Antonio Dini, collega che su Wired ha scritto questo breve pezzo. È da settimane infatti che mi sto chiedendo che senso abbia l’iPa Questo post lo devo ad Antonio Dini, collega che su Wired ha scritto questo breve pezzo. È da settimane infatti che mi sto chiedendo che senso abbia l’iPa Rating:
scroll to top