Home » Consumi » Con il rilevatore di consumi Techly niente più sprechi di corrente

Con il rilevatore di consumi Techly niente più sprechi di corrente

settembre 16, 2014 4:27 pm by: Category: Consumi, energia, rilevatore 1 Comment A+ / A-

Purtroppo in periodi di dura crisi economica come quelli che stiamo vivendo le famiglie italiane tendono a risparmiare su ogni voce di spesa che incida sul proprio bilancio.

È notizia recente che anche la spesa alimentare, l’ultima su cui di solito si va a gravare perché quella più strettamente legata alla sussistenza, ha subito forti riduzioni.
Ciò nonostante permangono una serie di cattive abitudini domestiche che provocano inutili sprechi di energia elettrica che possono costare in media fino a 200 euro l’anno.

La televisione per esempio rappresenta l’elettrodomestico più diffuso ed utilizzato, sono infatti almeno 30 milioni gli apparecchi presenti in Italia che consumano energia anche quando sono spenti. Naturalmente si tratta di valori estremamente ridotti (da 1 a 4 Watt) che però se moltiplicati per il numero di ore di effettivo collegamento determinano risultati incredibili. Si pensi che una tivù “spenta” per 20 ore al giorno consuma, anzi spreca, la bellezza di circa 22KW/h in anno.
Se moltiplichiamo questi 22 KW/h (ovviamente indicativi), consumati all’anno, per il numero delle televisioni si ottiene la bellezza di 660 GW/h! Una cifra come dicevamo incredibile per alimentare un elettrodomestico spento.

In ogni abitazione generalmente, oltre alla televisione ci sono anche altre apparecchiature che consumano elettricità in standby: computer, impianto stereo, lavatrice, decoder satellitare, dvd, caldaia, stampanti, forni a microonde e molti altri. Per questo i 660 GW/h andrebbero moltiplicati per due o tre volte. Recenti studi in Germania, hanno quantificato lo spreco energetico dovuto alle apparecchiature elettriche lasciate in stand by attorno ai 20 TW/h ovvero 20.000 Gwatt/h.
Per porre rimedio a questa situazione, oltre a staccare la presa di corrente dai dispositivi che lo consentono (una volta spenti), sarebbe utile munirsi di un dispositivo che ci informi su quanta energia consuma un elettrodomestico. Questo risulta utile sia per porsi delle soglie che per monitorare se ci sono dispositivi che hanno consumi anomali

A questo riguardo Techly ha da poco messo in vendita su Manhattan Shop il suo Energy Cost meter, uno strumento che permette di misurare il dispendio energetico dei vostri dispositivi elettrici.

Rilevatore-di-consumi-e-costi-energetici--Techly-31

Il funzionamento è molto semplice, è sufficiente inserire la presa di corrente e attraverso i fori frontali collegarvi il dispositivo oggetto di misurazione. I 4 pulsanti di selezione controllano il display LCD a 3 fasce sul quale compaiono una serie di dati statistici tra i quali il tempo di utilizzo, la potenza, la tensione, la frequenza e la quantità effettiva di corrente consumata. Tutte le indicazioni sono personalizzabili a seconda delle esigenze di ciascuno.

Impostando la tariffa energetica, il rilevatore ci consentirà di calcolare come risparmiare sulla bolletta e di fornire un contributo per la salvaguardia dell’ambiente. L’energy Cost Meter può rivelarsi particolarmente utile se applicato sugli elettrodomestici rivelando quali sono quelli che assorbono maggiore energia. Il prodotto è disponibile su Manhattan Shop ad un prezzo di 16,59 €.

Con il rilevatore di consumi Techly niente più sprechi di corrente Reviewed by on . Purtroppo in periodi di dura crisi economica come quelli che stiamo vivendo le famiglie italiane tendono a risparmiare su ogni voce di spesa che incida sul prop Purtroppo in periodi di dura crisi economica come quelli che stiamo vivendo le famiglie italiane tendono a risparmiare su ogni voce di spesa che incida sul prop Rating: 0
  • Atlas

    Ma che sfacciati!
    L’articolo é bello ed interessante ma tutto questo per pubblicizzare un apparecchio esistente da SEMPRE vecchio quanto i tester digitali, lo si trova in qualsiadi negozio di elettronica a di meno con le stesse funzioni.
    Come siamo caduti in basso.
    Che Pena per chi lo ha scritto.

scroll to top