Home » hdmi » Extender PoE di Manhattan porta l’HDMI su 2 TV fino a 100 metri tramite Ethernet

Extender PoE di Manhattan porta l’HDMI su 2 TV fino a 100 metri tramite Ethernet

gennaio 20, 2017 4:00 pm by: Category: hdmi, monitor 1 Comment A+ / A-

Soluzioni per trasportare un segnale video tramite un cavo di rete ne abbiamo viste diverse negli ultimi anni. Si tratta di periferiche utili in molte situazioni, laddove è necessario estendere su lunghe distanze un segnale video, senza spendere un’esagerazione per cavi o opere murarie atte alla predisporre del sistema.

Oggi vi mostrerò uno degli ultimi kit di extender HDMI di Manhattan, nome in codice IDATA EX-HL61.

Anzitutto analizziamo le specifiche di questo modello. Il kit in questione comprende ovviamente un trasmettitore e un ricevitore, oltre ad un sistema di comunicazione IR, che permette l’utilizzo di un telecomando anche se ci si trova nelle vicinanze del monitor posizionato a metri di distanza dalla fonte video. La trasmissione dati può raggiungere una risoluzione video Full HD (1920x1080p) e trasportare con esso anche un audio non compresso fino a 8 canali (surround 7.1 o 5.1) senza perdita.

I due dispositivi sono dotati di un pull di porte che comprendono: nel caso del trasmettitore, due porte HDMI (una di input e l’altra di output), l’ingresso IR Out e quello per l’alimentazione, oltre ovviamente alla porta RJ45 per il cavo di rete e all’interruttore EDID per ridurre i problemi di HDCP. Nel caso del ricevitore invece le porte sono limitate ad una unica HDMI out, l’entrata IR In e l’uscita RJ45 per l’Ethernet.

È inoltre presente un sistema di interruttori EQ da impostare sul ricevitore nelle posizioni indicate sul manuale d’istruzioni, in base alla lunghezza del cavo di trasmissione (immagine qui sotto). In base a questo viene regolata la potenza del segnale HDMI, quindi più è lungo il cavo e maggiore sarà la necessità di aumentare il segnale.

È necessario prestare molta attenzione a questo punto, dato che se i pin sono configurati in maniera errata, a schermo non verrà visualizzata alcuna immagine.

Trasmettitore e ricevitore sono estremamente compatti – entrambi misurano 69mm in larghezza, 80mm in profondità e 17 in altezza – sono realizzati in metallo e includono, già nella struttura, una predisposizione per l’installazione a muro o ad una qualunque superficie/supporto tramite viti. In questo modo potremo evitare di lasciare i due dispositivi in bella vista, con tanto di cavi e LED.

Questo sistema Manhattan è studiato per estendere il segnale video, tramite cavo di rete in standard Cat.6, ad una distanza massima dichiarata di 50m tra sorgente e monitor/TV per la trasmissione in 1080p. Mentre per risoluzioni inferiori la distanza può aumentare fino a 70m per il 720p e fino a 100m trasmettendo in 480p. Nel nostro caso, i test che vedete nelle immagini, sono stati effettuati utilizzando un cavo di circa 18m (in standard Cat.5e) per trasmettere su un monitor Full HD delle sessioni di gioco da un PC e da una Playstation.

La caratteristica più interessante in questo caso è la compatibilità con lo standard di alimentazione PoE. Si tratta di uno standard tramite il quale è possibile alimentare il dispositivo tramite il cavo di rete (da qui il nome Power over Ethernet), il che permette quindi dare corrente al ricevitore tramite il trasmettitore alimentato.

Ciò rende possibili anche installazioni di monitor in posizioni inusuali o facilitare l’installazione di un proiettore (spesso e volentieri posizionato a soffitto), laddove portare un ulteriore cavo di alimentazione diventerebbe complicato.

Peculiare è anche la possibilità di posizionare un secondo monitor vicino alla fonte video, tramite l’uscita HDMI out presente sul trasmettitore. Così facendo riusciremo ad ottenere un mirroring del segnale su due monitor magari posizionati in stanze differenti o comunque molto lontani tra loro.

Può avere molto senso per applicativi pubblicitari all’interno di un negozio o di un centro commerciale ad esempio (dove gli schermi riproducono la stessa immagine), senza munirsi di un ulteriore switch HDMI  o apparecchiature simili. Anche trasmettere sessioni di gameplay durante eventi dedicati potrebbe essere un campo applicativo interessante, grazie alla compatibilità estesa a console quali Xbox o Playstation.

Inoltre, come per molti dispositivi Manhattan di questo tipo, il kit di extender è totalmente plug&play. Ciò significa che non sono necessarie installazioni aggiuntive o impostazioni varie, a parte la disposizione corretta degli interruttori EQ presenti sul ricevitore.

Il kit Manhattan IDATA EX-HL61 è reperibile sul sito Manhattanshop.it a poco meno di 100€ e risulta una soluzione interessante soprattutto in ambito aziendale, ma nulla esclude che possa tornare utile per sfruttare una predisposizione già esistente di rete cablata, al fine di trasmettere film, serie TV o giochi, da una stanza all’altra o da un piano all’altro della casa.

Extender PoE di Manhattan porta l’HDMI su 2 TV fino a 100 metri tramite Ethernet Reviewed by on . Soluzioni per trasportare un segnale video tramite un cavo di rete ne abbiamo viste diverse negli ultimi anni. Si tratta di periferiche utili in molte situazion Soluzioni per trasportare un segnale video tramite un cavo di rete ne abbiamo viste diverse negli ultimi anni. Si tratta di periferiche utili in molte situazion Rating: 0
  • Luca Olivari

    So che la domanda è stupida ma, in mancanza di informazioni in merito, positive o negative, la faccio: la connessione dev’essere punto-punto, vero? Non c’è speranza di utilizzo via rete cablata, tramite switch?

scroll to top