Pages Menu
TwitterRssFacebook
Categories Menu

Posted by on 10:28 pm in Punti di vista, Riflettendo sul pad | 0 comments

Crowdfunding Watch: alla scoperta di Fig

Crowdfunding Watch: alla scoperta di Fig

a cura di Filippo Veschi

Riprendiamo il nostro discorsetto a puntate sul crowdfunding introducendo una novità consegnataci da questo caldissimo Agosto. Si tratta di Fig, una nuova piattaforma di crowdfunding lanciata lo scorso 18 Agosto con la sponsorizzazione di tre sviluppatori protagonisti di campagne Kickstarter di incredibile successo.

Sto parlando di Tim Schafer di Double Fine, il cui Double Fine Adventure (poi rinominato Broken Age) ha dato il via alla Kickstarter-mania; di Brian Fargo di InXile Entertainment, che tra le sue campagne per titoli come Wasteland 2, Torment: Tides of Numenera e Bard’s Tale 4 ha raccolto complessivamente qualcosa come 8,5 milioni di Dollari; di Feargus Urquhart di Obsidian Entertainment che ha letteralmente salvato la sua compagnia con il crowdfunding di Pillars of Eternity.

Questi tre giganti, ormai espertissimi in campagne crowdfunding, fanno parte della board dei consiglieri di Fig. A differenza di Kickstarter ed altri siti simili, Fig è una piattaforma curata. Ogni mese sarà lanciato un solo progetto, due al massimo, scelti con attenzione dallo staff di Fig e dai suoi consiglieri. Si evita così l’affollamento che si verifica sulle piattaforme a cui siamo abituati, in cui decine di progetti in corso contemporaneamente si sottraggono a vicenda visibilità e finanziamenti, ed a cui hanno accesso fin troppo spesso sviluppatori poco seri che magari decidono di scappare col malloppo quando si rendono conto di non essere in grado di mantenere le promesse (una di queste volte dovremo parlare anche di questo, che ne dite?).

L’altra grossa novità di Fig è quella di proporre accanto al crowdfunding reward-based tradizionale, anche la possibilità di investire nei progetti con un meccanismo equity-based. In sostanza i comuni utenti potranno tranquillamente effettuare le loro donazioni in cambio di reward varie (che in genere includono il prodotto finito ed altri extra), mentre soggetti accreditati potranno investire cifre più consistenti in cambio di una fetta delle entrate che il titolo avrà realizzato una volta completato e messo sul mercato. Finora questo tipo di crowdfunding non era permesso su piattaforme come Kickstarter ed IndieGoGo, a causa della macchinosità della regolamentazione fiscale americana in proposito. Il team di Fig è riuscito ad ideare una scappatoia legale che permette ad una ristretta cerchia di persone di partecipare al finanziamento anche con quest’altra modalità, garantendo maggiori possibilità per i creatori di progetti. Chi sono i “soggetti accreditati” che possono partecipare a questo tipo di Equity Crowdfunding? Essenzialmente chiunque sia ricco! Per qualificarsi occorre infatti rispondere ad una serie di requisiti fissati dalla Security and Exchange Commission del governo americano:

  • Avere un patrimonio di almeno 1.000.000 $ esclusa l’abitazione di proprietà.

oppure

  • Avere un reddito annuo personale di almeno 200.000 $ per gli ultimi 2 anni.

oppure

  • Avere un reddito annuo combinato con quello del proprio partner di almeno 300.000 $ per gli ultimi 2 anni.

È chiaro che al momento la possibilità di investire nello sviluppo di un videogioco è riservata ad una cerchia di persone molto ristretta, ma a seguito di alcune riforme finanziarie attualmente in corso negli Stati Uniti, il team di Fig pianifica di rendere man mano disponibile l’Equity Crowdfunding anche ad altre categorie di persone.

Outer Wilds

Il primo progetto ad essere lanciato su Fig è Outer Wilds, un gioco di esplorazione spaziale in prima persona, ambientato in un sistema solare intrappolato in costante loop temporale. Ispirandosi in parti uguali a Kerbal Space Program ed a The Legend of Zelda: Majora’s Mask, il titolo, nato come progetto studentesco, ha vinto i prestigiosi premi Seamus McNally Grand Prize ed Excellence in Design durante l’ultimo Independent Game Festival. Il gioco presenta una miriade di pianeti e lune dalle caratteristiche uniche, tutti da esplorare. Una caratteristica interessante è il loro variare col tempo. Bloccata in un loop temporale di 20 minuti, ciascuna ambientazione cambia radicalmente ad ogni partita, accrescendo il senso di mistero e di scoperta da parte del giocatore.

Sponsorizzato da nientepopodimeno che Masi Oka, la star di TV series come Heroes ed Hawaii Five-O, l’attuale campagna di finanziamento prevede un obbiettivo di 125.000 dollari, dei quali ne sono stati già raccolti quasi 80.000. Con 17 giorni di campagna ancora disponibili e con le modalità di finanziamento previste da Fig il goal della campagna sembra essere alla portata del team di sviluppo. Da parte nostra non possiamo che fare il tifo per loro, restando ansiosi di scoprire quali novità porterà Fig nel mondo del crowdfunding nel corso dei prossimi mesi.