Welcome to Magazine Premium

You can change this text in the options panel in the admin

There are tons of ways to configure Magazine Premium... The possibilities are endless!

Member Login
Lost your password?

Sliding Doors: Steve Jobs CEO di Google

05/11/2010
By

Sliding Doors. Chi si ricorda questo film? Beh, facciamo un attimo mente locale: una ragazza deve prendere un treno: se lo prende la sua vita va in un verso, se le porte si chiudono prima che vi salga sopra, va in un’altra. Film carino e decisamente veritiero. Gli episodi contano nella vita di tutti e anche nelle aziende.

Sì perché mettiamo che Steve Jobs fosse diventato amministratore delegato di Google. Che dite, sono pazzo? No, semplicemente riporto quello che hanno detto Larry Page e Sergey Brin, i fondatori di Google, durante Game Changers un programma davvero interessante di Bloomberg TV che si sofferma sulla storia di persone importanti nella società (USA e mondiali).

I due erano alla ricerca di “un braccio finanziario”, qualcuno che sapesse far fruttare le idee che avevano in testa. Nel 2000 Page e Brin andarono  da Steve Jobs, carichi di speranza, proponendogli la posizione di amministratore delegato. Jobs rifiutò, chiaramente impegnato nel risollevare una Apple che negli anni ’90 non aveva rischiato grosso. L’AD, dopo diversi colloqui, divenne Eric Schmidt, ancora in sella a Big G.

E se Jobs avesse accettato, cosa sarebbe successo? Si possono fare innumerevoli ipotesi, ma di certo il panorama informatico per come lo conosciamo oggi sarebbe decisamente cambiato. Ecco la mia personale visione (sì, è folle l’ammetto), fatemi sapere la vostra: Jobs, dopo un percorso parallelo per qualche tempo, avrebbe puntato a un’acquisizione di Google da parte di Apple. Lo dico perché Jobs mi sembra un grande accentratore, vuole il controllo e chiaramente non avrebbe permesso a Google di fare il contrario. Sul piano “serio” dico che non sarebbe mai successo, due aziende con filosofie per certi versi radicalmente opposte, ma visto che questo è un post in cui tutto è permesso, andiamo avanti.

La fusione avrebbe portato ad avere una ricerca web firmata Apple, con pubblicità fatta dalla Mela. Non so se sarebbe stato meglio o peggio. Una cosa che però ci sarebbe mancata – e tanto – sarebbe stata battaglia iPhone – Android. E le seguenti risposte di Microsoft con WP7, Palm con webOS, e tutti gli altri. Oggi se vogliamo c’è anche una scelta così vasta che un po’ spaventa, ma ricordiamo che con Google e Apple che si combattono colpo su colpo il mondo telefonia mobile ha fatto passi da gigante in pochi anni.

Di certo avremmo però avuto una situazione intrigante sotto il punto di vista dei sistemi operativi desktop: cosa avrebbe fatto un’Apple-Google in questo settore? Microsoft avrebbe dovuto affrontare una concorrenza certamente più spietata di quella odierna.

Da una parte sarebbe stato meglio e dall’altra peggio. Senza la controprova, non lo sapremo mai. E voi, senza entrare troppo nel merito della mia visione pazza che fa da lancio alla discussione…. come avreste visto questo “Sliding Doors” tra Cupertino e Mountain View? Cosa sarebbe successo? Oggi stiamo meglio con Apple e Google divise oppure saremmo stati meglio con un’unica realtà forte contrapposte alla sola Microsoft?

Condividi questo articolo

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • LinkedIn
  • Email
  • RSS

One Response to Sliding Doors: Steve Jobs CEO di Google

  1. Faccion on 14/11/2010 at 02:18

    Acqua vecchia non macina piu’, diceva mio nonno.
    Piu’ che Sliding Door direi Dejavue, questa storia e’ gia’ stata raccontata ma con una prospettiva diversa, era Microsoft che voleva acquisire Apple nel periodo buio, Bill compro’ allora il 7% della Mela con l’approvazione di Steve.
    Google non rientra nel business di Apple come non rientra nel business di Microsoft, e’ vero che Bing viene (veniva) presentato come l’alternativa a Google, ma solo per permettere a Microsoft di prendere quella fetta lasciata fuori da Altavista/Yahoo, da Lycos e altri che prima o dopo Google hanno tentato la sorte dei crawlers.
    Se Steve avesse accettato l’A.D. di Google sicuramente avremmo avuto scenari differenti, incluso Android, gia nei progetti di Google in tempi passati chiamandolo GoogleOS, avremmo comunque avuto gli Smartphone, Microsoft, Palm, Symbian lavorano su questo da decenni.
    Sicuramente avremmo avuto un qualcosa di meglio di Spotlight sotto Mac, ma la politica aggressiva e da conservatore di Steve non avrebbe portato di certo Google a crescere come invece e’ avvenuto.
    Per fare un parallelo, se Apple decidesse di aprire il suo Mac OSX a tutte le architetture, Microsoft (e anche Google nelle dovute proporzioni) non avrebbe tutto questo mercato.
    Devo scappare, sta’ partendo il treno, devo saltarci su prima che chiudano le porte…

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *