Welcome to Magazine Premium

You can change this text in the options panel in the admin

There are tons of ways to configure Magazine Premium... The possibilities are endless!

Member Login
Lost your password?

iPad mini è la chiave per la iScuola?

14/10/2012
By

Questo post lo devo ad Antonio Dini, collega che su Wired ha scritto questo breve pezzo. È da settimane infatti che mi sto chiedendo che senso abbia l’iPad mini. Intendiamoci, non che senso abbia sul mercato: un tablet di dimensioni più piccole del classico iPad ha dignità, e lo abbiamo visto con il Nexus 7 (qui la recensione di Andrea).

Il problema è che Apple (solitamente) non fa niente per niente. Cioè, ha una quota di mercato da proteggere da concorrenti che pian piano stanno iniziando a proporre soluzioni di valore, ma che scopo avrebbe questo iPad sul mercato? Accontentare semplicemente chi “lo vuole più piccolo? Troppo scontato e banale.

Probabilmente sarà così, e queste saranno parole buttate al vento, ma Antonio buttandola lì forse ci ha preso: iPad mini potrebbe essere il tassello più importante della strategia che vuole il tablet sbarcare a scuola. Apple all’inizio dell’anno, precisamente venerdì 20 gennaio, ha tenuto un evento al Museo Guggenheim di New York svelando “il suo ambizioso progetto per entrare nel mondo dei libri scolastici”, così scriveva Valerio.

Non sto qui a spiegarvi in cosa consista, potete leggere la news, ma in effetti di questo nuovo sforzo sono circa 10 mesi che non si parla. L’iPad mini potrebbe quindi rientrare soprattutto in quella strategia, secondo me il ragionamento fila. Staremo a vedere, probabilmente il 23 ottobre sapremo tutto. Voi che ne pensate? Sto cercando di dare un senso troppo “alto” al nuovo tablet di Apple? Fatemi sapere! 🙂

9 Responses to iPad mini è la chiave per la iScuola?

  1. paolo on 15/10/2012 at 10:02

    qualsiasi soluzione verso un pad (ipad, ipad mini o altro tablet che sia) sarà sicuramente apprezzata e ringrazierà sicuramente la schiena di mia figlia!!!

  2. gio on 16/10/2012 at 21:15

    la schiena ringrazierà, ma gli occhi piangeranno così come la testa..

  3. gio on 16/10/2012 at 21:17

    e il portafogli.
    dettpo questo anche io sono d’accordo sul portare il tablet a scuola al posto dei libri però bisogna trovare una soluzione come il kindle che ha lo schermo che è più simile a un foglio di carta…tutto questo per la salute degli occhi…

  4. paolo on 18/10/2012 at 09:09

    certo il kindle è l’ideale da questo punto di “vista” 🙂

  5. Jack98xf on 22/10/2012 at 16:35

    Di sicuro con l’uscita di questo rivoluzionario “ipad” lo studio sarà molto avvantaggiato, però secondo altri aspetti di vista non è del tutto una comoda forma di studio: i costi non saranno molto bassi e poi, chi non riesce a prendere in mano un ipad sviluppato per la maggior parte per giocarci e non aprire qualche applicazione come Temple Run e farsi una corsa o semplicemente perdere tempo su Facebook? Io vado in Prima superiore e mi rendo conto che un tablet a scuola sarebbe comodo, ma ad esempio anche le classi di ogni scuola in Italia dovrebbero “adattarsi”!!!!! Mettiamo che durante una lezione di storia alla quinta ora ci siano qualche compagno che la sera non hanno attaccato alla spina il proprio ipad e la mattina durante la corriera hanno scattato qualche foto al panorama, devono ricaricarlo, come fanno????? Normalmente in ogni classe c’è una sola spina e una chiamata comunemente “ciabatta” non può arrivare a 20 e passa attacchi, farebbe corto circuito…
    Su certe cose bisogna ragionarci, come la Apple che vuole mettere in commercio un nuovo ipad…
    Facciamo i conti: un Tablet a ogni alunno: (20×500€) moltiplicati per il numero di classi in un istituto: 45; Il tutto moltiplicato per il numero di scuole superiori in Italia: oltre 6000. SOLO in Italia, pensate in America quale straordinario guadagno ci ricavano… Se volete discuterne ne sarei più che fiero…

  6. Jack98xf on 22/10/2012 at 16:40

    Il totale sarebbe circa 2700000000 di € (solo per le superiori) e poi 500€ è il prezzo base, possono arrivare fino a 799€!!!

  7. EpoX on 24/10/2012 at 23:21

    dato il prezzo e la scarsitá della risoluzione del display secondo me la apple sta puntando piú i bambini che la scuola. solo io ho notato che negli apple store sono allestiti tavoli apposta per bambini, con ipad con giochi precaricati? pensateci, l’ipad mini é perfetto x stare nelle manine dei nuovi clientini apple…

  8. fede on 06/11/2012 at 11:54

    Assolutamente contrario a consegnare un iPad, un Nexus, un Kindle o qualsiasi altro dispositivo proprietario alla scuola PUBBLICA.
    Serve un dispositivo pensato e realizzato per aiutare nello studio (e non per andare su facebook), che sia libero ed indipendente dai voleri di qualche azienda (case editrici comprese) e sopratutto che costi poco.
    A questi termini secondo me diventa uno strumento molto utile, diversamente diventa solo un modo per le aziende di di ricevere ricavi extra e per gli “studenti” di perdere tempo a cazzeggiare su facebook o giocare ad angry birds..
    Non male sarebbe l’adozione di dispositivi con schermo e-ink: se ci devo studiare e leggere per 8 ore al giorno forse conviene pensare anche alla salute della vista.

  9. claudio on 07/11/2012 at 01:06

    Forse faccio la voce fuori dal coro, ma a mio parere, usare i tablet a scuola, è come tirarsi una mazzata dove sappiamo noi..
    insomma, date questi giocattoli in mano a ragazzetti di 14 anni.. fruit ninjia, temple run, jet pack tutto il tempo!

    sinceramente io ritengo più opportuno usare ancora i cari (nel senso che costano) vecchi libri. l’ Ipad sarebbe solo uno specchietto (molto costoso) per allodole. non è che con quell’ aggeggio si studia meglio, anzi!

    e tra parentesi, ho 16 anni e frequento l’ ITIS di gallarate. colgo l’ occasione per salutare Keledan, mio conterraneo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *