Il Social Networking in azienda, castrarlo o incoraggiarlo come opportunità? Serve comunque controllo

Cisco ha commissionato una ricerca che rivela risultati per niente sorprendenti. Ovvero, in ufficio la maggior parte degli impiegati ai quali non sono stati bloccati, usa Facebook e Twitter.

enterprise206b
Un buon motivo per inserire Facebook in azienda? Scoprire se le colleghe carine sono single.

Le aziende hanno due scelte. Negare l’accesso ai social network, o farli diventare un vantaggio strategico per le attività di marketing e vendite. Ovviamente sarà impossibile evitare che i dipendenti cazzeggino, ma del resto se uno non ha voglia di lavorare, la colpa non è di Facebook. Certamente i social network sono una bella tentazione, ma le aziende devono abbracciare le tecnologie e non temerle a prescindere.

Cisco richiama l’attenzione sui reparti IT ma questi, per esperienza personale, preferiscono filtrare via proxy ogni cosa che potrebbe distorglieli dalla loro priorità principale: ovvero frustrare ogni richiesta dei propri utenti.

Noi di Tom’s Hardware ovviamente usiamo tutti i social anche durante l’attività aziendale, ma non facciamo testo in quanto tutti quanti più o meno “power user”. Sarà difficile trovare un compromesso tra policy aziendali, utilità del servizio e gestione della tentazione dei dipendenti.

Segue un estratto del comunicato di Cisco.
Cresce sempre più l’utilizzo in azienda di strumenti di Social Networking del mondo consumer

•         Il 75% delle aziende intervistate ha identificato nei social network i social media del mondo consumer che utilizzano maggiormente; il 50% di esse ha fatto riferimento anche ad un uso estensivo del microblogging.
•         I tool di social networking si stanno diffondendo in aree chiave della catena del valore, fra cui i settori marketing e comunicazione, le risorse umane, il servizio ai clienti. In ambito marketing e comunicazione questi strumenti sono già diventati parte integrante delle diverse iniziative, in quanto chi se ne occupa ha generalmente compreso tali strumenti e si è convertito ad una forma di comunicazione “conversazionale” o a forme di interazione più ricche. Le aziende medio-piccole utilizzano attivamente i canali dei social network per generare contatti; nelle aziende più grandi, questa resta un’opportunità di sviluppo da esplorare.

C’è bisogno di più governance e coinvolgimento dell’IT per i Social Media

•         Solo un’azienda su sette ha usato social networking nati nel mondo consumer per scopi aziendali; questo indica che i potenziali rischi associati all’ingresso di tali strumenti in azienda non sono ben compresi o sottovalutati.
•         Solo uno su cinque degli intervistati ha saputo identificare delle policy attivate relativamente all’uso del social networking in azienda.
•         La natura sostanzialmente destrutturata del social networking rende difficile creare ed adottare delle policy aziendali; rifarsi a un processo di governance già attivo in altre aree più strutturate (ad esempio l’IT) spesso non funziona. Le aziende inoltre trovano difficile individuare un approccio equilibrato alla natura “personale” e “sociale“ di questi strumenti, mantenendo al contempo un certo grado di controllo.
•         Solo uno degli intervistati su 10 ha confermato un coinvolgimento diretto dell’IT nelle iniziative di social networking rivolte all’esterno. Anche se il reparto IT tipicamente non è coinvolto primariamente nel processo decisionale, le persone interpellate hanno riconosciuto che per trarre il massimo profitto da questi strumenti è necessario integrarli nel modo appropriato e nella giusta scala con i processi di business esistenti.

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • LinkedIn
  • Email
  • RSS