Welcome to Magazine Premium

You can change this text in the options panel in the admin

There are tons of ways to configure Magazine Premium... The possibilities are endless!

Member Login
Lost your password?

Steampunk 4: in giro per la Rete

23 marzo 2010
By

In giro per il mondo non manca chi ha scelto lo steampunk come sottogenere narrativo, spingendosi quasi a trasformarlo in uno stile di vita, anche se piuttosto artificiale. Il mondo è pieno di persone che scrivono racconti e poesie per diletto (ci sono passato anch’io), e la Rete favorisce la creazione di comunità tematiche. Sono ottimi punti di partenza per chi vuole saperne di più, o dare sfogo alla propria passione creativa.

Un'immagine tratta da steampunk magazine - Clicca per ingrandire

Un'immagine tratta da steampunk magazine - Clicca per ingrandire

  • In Gran Bretagna esiste una rivista, Steampunk Magazine. Incredibile ma vero, esce su carta (tranquilli, è 100% riciclata”), perché “Produciamo una rivista stampata perché crediamo nella bellezza del mondo fisico (questo è steampunk, non cyberpunk!). Ma siamo comunque coerenti nei confronti dell’economia di scambio, e la rivista si può anche scaricare gratuitamente, in pdf”. La citazione è presa dalle faq del sito, ho solo aggiunto il link alla sezione download. Accetta contributi da tutti, quindi se vi sentite creativi e non vi spaventa scrivere in inglese, fatevi sotto!

Ho dato un’occhiata all’ultimo numero (circa 30 MB). C’è di tutto, dalla narrativa alla saggistica. Si parla persino di alchimia e di corsetti. Le immagini, purtroppo, sono in bianco e nero. Certamente una scelta dolorosa, dettata dal bisogno di mantenere bassi i costi. Peccato.

L'home page di steampunk.com - Clicca per ingrandire.

L'home page di steampunk.com - Clicca per ingrandire.

  • Steampunk.com è invece un sito, una sorta di fanzine online, che raccoglie contributi degli utenti. Un buon punto di partenza per chi vuole saperne di più. Il sito non è molto ben curato, ma è comunque attivo. Ho trovato una pubblicazione della fine del 2009, ma è stato difficile: chissà, forse è un trucco, che vuole intensificare l’effetto dell’ambientazione, dandogli volutamente l’area di un sito dismesso e abbandonato? Ne dubito, probabilmente è davvero trascurato. Ma le informazioni ci sono, basta avere pazienza.

    Un paio di occhiali così non potevano mancare - Clicca per ingrandire

    Un paio di occhiali così non poteva mancare - Clicca per ingrandire

  • Brass Goggles. Più che un blog, uno dei principali punti di riferimento della comunità steampunk mondiale.

    Clicca per ingrandire

    Clicca per ingrandire

  • Molti blog dedicano un post ogni tanto all’immaginario Steampunk. Pochi, però, vi sono interamente dedicati, come per esempio The Steampunk Home, che si presenta così: “Credo che lo Steampunk sia più che ottone e ingranaggi. È un modo povero e affascinante di combinare  passato e futuro. È vivere una vita che sembra di vecchio stile, ma guarda al futuro. Prende i detriti della moderna società tecnologica e ne fa cose utili”. Probabilmente un po’ pretenzioso, per il blog di uno che cerca mobili per la casa. Ma è divertente da leggere.

    steampunk-magazine-2

  • Lo Steampunk Lab, infine, vuole essere un punto di riferimento per progetti veri e propri. Oggetti fisici, che si possono guardare e toccare. C’è chi ne produce di ogni tipo, cercando di restare fedele alle regole di questa corrente. Se siete degli artigiani e cercate ispirazione, cominciate da qui. Poi, però, ricordate di condividere il vostro lavoro! Il sito non è particolarmente aggiornato, ma piacevole da visitare. Se avete fretta, ecco un link diretto alla guida per creare un monitor LCD datato 1879 e quella per la tastiera.

  • Steampunkopedia. Un sito web che raccoglie numerose fonti. Da visitare assolutamente.

The L.E.A.G.U.E. of Steam - Clicca per ingrandire

The L.E.A.G.U.E. of Steam - Clicca per ingrandire

  • The L.E.A.G.U.E. of Steam. Questi hanno persino un canale su YouTube. Purtroppo parlano in iglese, ma abiti e azioni sono fenomenali. Appena ho scoperto la loro esistenza mi sono iscritto al canale, e non posso negare che ogni momento è buono per vedere cosa combinano questi ragazzi.  Sono un gruppo teatrale che fa anche esibizioni dal vivo, ma solo negli Stati Uniti, alla faccia della Londra Vittoriana. Se passata da yankeelandia, non ve li potete perdere.

Finalmente tutti possiamo avere una pistola a raggi come si deve - Clicca per ingrandire

Finalmente tutti possiamo avere una pistola a raggi come si deve - Clicca per ingrandire

league-of-steam-5

  • Le pistole a raggi del Dr. Grordbort. Un personaggio assurdo, inverosimile, sgradevole e politicamente scorretto. In altre parole incredibilmente divertente. Il Dr. Grordbort è stato creato da due artisti del Weta Workshop, quelli che hanno fatto il Signore degli Anelli e King Kong (quello nuovo), tanto per capirci.  Sul sito potete comprare una pistola a raggi che più steampunk non si può. È lo stesso Grordbort che li produce, come hanno spiegato Greg Broadmore e David Tremont in un’intervista. Le pistole a raggi sono perfettamente funzionanti, chiaramente, ma le munizioni non sono fornite. Dovrete procurarvi da soli quello che serve, e vi rimando al sito per capire come diavolo si fa. Questi oggetti sono probabilmente più vicini alla fantascienza degli anni ’50 e ’60 che allo steampunk, ma dipende dal modello. E poi non potevo non parlarne.

    L.E.A.G.U.E of Steam - Clicca per ingrandire

    L.E.A.G.U.E of Steam - Clicca per ingrandire

  • Aether Emporium. Un’altra risorsa enciclopedica, in stile Wiki, che raccoglie tutto ciò che trova sullo steampunk. Tappa obbligata per i più curiosi, peccato che non funzioni granché bene. Posso consigliarlo solo ai più volenterosi, perché le informazioni ci sono, ma non sono proprio facili da raggiungere.

    Clicca per ingrandire

    Clicca per ingrandire

  • Il forum http://steampunk.forumcommunity.net/ è il posto dove andare se siete interessati allo steampunk e volete trovare altre persone con lo stesso interesse, che non siano a migliaia di chilometri, o che semplicemente scrivano nella vostra lingua (ma nei forum è sempre un bel rischio). Ho avuto qualche difficoltà con la procedura di registrazione, e non so dirvi di più. Se siete tipi da forum, comunque, questo è di certo una fonte imprescindibile.

    Etsy - Clicca per ingrandire

    Etsy - Clicca per ingrandire

  • Di Etsy ha già parlato Andrea. Se volete comprare un pezzo unico, cercatelo in questo negozio.

Aether Emporium - Clicca per ingrandire

Aether Emporium - Clicca per ingrandire

Clicca per ingrandire

Clicca per ingrandire

Limitarsi alle opere citate sarebbe però ingiusto. Lo steampunk, come ho scritto prima, è caratterizzato da un altissimo livello di contaminazione. Questo significa che ne possiamo ritrovare tracce in moltissimi prodotti culturali, di ogni tipo. Libri, film, videogiochi, musica (più che altro copertine di dischi), oggetti da indossare e di uso quotidiano. Si possono ritrovare tracce di Steampunk un po’ ovunque.

Clicca per ingrandire

Clicca per ingrandire

Clicca per ingrandire

Clicca per ingrandire

La cosa migliore da fare, se siete davvero interessati, è andare alla prima esposizione mondiale dello Steampunk, che si terrà in Michigan, il prossimo maggio. Tra li eventi non potevano mancare il “Tè vitttoriano” o la “Fiera degli scienziati pazzi”. Non posso negare che mi piacerebbe tanto poter essere presente.

Clicca per ingrandire

Clicca per ingrandire

Galleria d’immagini. Clicca su ogni immagine per ingrandirla.

Per quanto riguarda il resto, non resta che attendere il prossimo post.

Condividi questo articolo

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • Email
  • RSS

Tags: , ,

  • Pingback: Steampunk 4: in giro per la Rete

  • http://www.morfeoshannara.splinder.com Morfeo Shannara

    Ciao ho linkato il tuo blog in un articolo sullo steampunk.
    Continua così ;)
    ciao

    Morfeo

  • Valerio Porcu

    Hey grazie! Ho lavorato tanto a quella serie, sono contento che ti piaccia e che l’abbia trovata utile.