Welcome to Magazine Premium

You can change this text in the options panel in the admin

There are tons of ways to configure Magazine Premium... The possibilities are endless!

Member Login
Lost your password?

Pirateria: non solo AGCOM, c’è anche una ricerca insabbiata

21 luglio 2011
By

Sembra che esista un’indagine sulle persone che scaricano file illeciti. E sembra che dimostri come queste persone spendano più degli altri per ingressi al cinema, DVD e CD originali. Sembra, perché secondo quanto racconta Enigmax su TorrentFreak quest’indagine non sarà mai resa pubblica. L’ha commissionata qualcuno a cui i risultati non sono piaciuti, e ha esercitato il diritto di nasconderla.

Hey mamma guarda, un pirata!

Una cosa che non dovrebbe sorprendere più nessuno ormai. È successo e succede centinaia di volte. Un’azienda chiede una ricerca a una società specializzata, e poi la usa se i risultati gli fanno comodo, altrimenti la fa sparire. Chi si tratti di medicinali, sigarette, energia nucleare o pirateria online il meccanismo è sempre lo stesso. L’unica cosa che c’è da imparare è che non bisogna fidarsi dei numeri a sostegno di una qualche opinione, perché generalmente sono manipolati.

Nella nostra epoca digitale, le parole e il pensiero sono ancora ciò a cui bisogna aggrapparsi nella ricerca della verità, o di qualcosa che si somigli.

Nel caso specifico però c’è qualcosa in più. Si perché chi si scarica un film da Internet secondo alcuni è un criminale, che dovrebbe andare in galera, o almeno pagare una multa.

Come la mettiamo allora se questo criminale è in verità uno che sostiene l’industria musicale e quella del cinema di tasca propria? Come la mettiamo se chi scarica – non tutti, certo – poi si compra il prodotto originale, se e solo se gli è piaciuto?

Come la mettiamo con tutti quelli che vendono porcherie spacciandole per arte, e non vogliono che si sappia che sul CD c’è solo immondizia, almeno non prima di averlo venduto? E come la mettiamo con personaggi come Corrado Calabrò e i commissari dell’AGCOM, che vorrebbe chiudere siti come fossero bottiglie nelle mani di mastri birrai, perché “bisogna difendere il diritto di autore?”.

Viviamo nell’epoca di WikiLeaks, di Anoymous e di LuzSec. Hai visto mai che questa ricerca salti fuori per strade alternative. Non mi dispiacerebbe leggerlo per intero, e farlo leggere a tutti quelli che vedono così chiaramente la linea che separa il bene dal male, ma probabilmente avrebbero bisogno degli occhiali. Scusate se non mi alzo.

 

Condividi questo articolo

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • Email
  • RSS