Welcome to Magazine Premium

You can change this text in the options panel in the admin

There are tons of ways to configure Magazine Premium... The possibilities are endless!

Member Login
Lost your password?

Guida: iTunes con hard disk esterno e utenti multipli su PC o Mac

7 gennaio 2012
By

Come usare iTunes in due ed essere felici

Con iTunes non è molto difficile tenere la libreria musicale su un disco esterno. Ma che succede se abbiamo più utenti sul computer, e vogliamo che tutti possano sentire la stessa musica? Insomma, si può portare la tradizionale multiutenza nel noto software multimediale? Si può fare, ma non è semplice. E il risultato è tutt’altro che perfetto.

Credo che Apple potrebbe migliorare parecchio questo aspetto, anche alla luce del fatto che sta spingendo molto per vendere notebook con SSD, e che la misura di questi ultimi raramente è superiore a 120 GB. E le righe che seguono evidenziano un problema che andrebbe risolto il più presto possibile.

 

Abbiamo quindi un computer, PC o Mac, e una raccolta di musica su un disco esterno. Si potrebbe usare un programma diverso da iTunes, ma è l’applicazione multimediale più comune – grazie al successo di iPod e iPhone. Soprattutto per la musica gran parte degli utenti la usano, qualcuno magari anche controvoglia.

 

clicca per ingrandire

Nota: se si tratta solo di sincronizzare la musica con iPhone e simili, e di ascoltarla dal computer, esistono anche delle applicazioni alternative. Non credo che siano la scelta migliore, soprattutto perché rendono più complessa la vita dell’utente – ma è una possibilità che esiste.

 

Le possibili situazioni iniziali sono due: libreria esistente sul disco di sistema, o nessuna libreria. È anche possibile che stiate cambiando computer, e vogliate portarvi dietro tutta la collezione che avete pazientemente costruiti in anni di lavoro. Ed è possibile che il nuovo computer abbia meno spazio di quello vecchio, o al massimo lo stesso.

 

clicca per ingrandire

1)    La prima cosa da fare è aprire le preferenze di iTunes, selezionare la scheda “Avanzate”, e poi dire a iTunes di usare il disco esterno per la cartella iTunes Media, cliccando su “modifica”. Creiamo quindi la cartella sul disco esterno, collegato tramite USB. Poi spuntiamo le due voci “Mantieni organizzata … ” e ” “Copia i documenti”.

2)    Il secondo passo dipende dalla situazione iniziale

  1. Nessuna libreria esistente. Copiate dentro iTunes tutte le cartelle musicali che avete a disposizione. Questa operazione crea una seconda copia dei file, dentro a “iTunes Media” che abbiamo creato prima. Se parliamo di molti gigabyte, ci vuole pazienza.
  2. Libreria esistente. Per spostare i file già presenti su iTunes bisogna cliccare su Modifica>Libreria>Organizza libreria. Qui poi spuntare la voce “Consolida …”. Anche in questo caso il sistema copia tutti i file nella nuova cartella, e ancora una volta ci vuole pazienza. È l’occasione buona per fare merenda.

 

clicca per ingrandire

Ora iTunes sta usando i dati sul disco esterno. Con la vecchia copia potete fare quello che vi pare. Creare una copia di backup della musica non sarebbe una cattiva idea, se non lo avete già fatto.

 

Mettere in ordine. Questo è anche il momento di mettere in ordine nella libreria. Se non lo avete già fatto, leggete come funziona TuneUp Media Companion, ed eventualmente compratene una copia. Nonostante qualche bug, ne vale la pena.

 

3)    è ora il momento di cambiare utente. In alto a destra su Mac OS, o in basso a sinistra su Windows.  Diamo per scontato che qui non c’è una libreria esistente da recuperare, ma che ne vada creata una da zero. La procedura è simile a quella precedente.

  1. Da “preferenze” diciamo a iTunes di usare la cartella “iTunes Media” che abbiamo creato prima, mantenendola organizzata. Togliere la spunta da “Copia i documenti … “, per evitare di creare duplicati.
  2. Aggiungere la musica. Apriamo la cartella iTunes Media/Music. Prendiamo la musica (tutta o solo gli album desiderati) e la trasciniamo nella finestra principale dell’applicazione. In questo caso non c’è copia di file, ma solo l’aggiornamento di un indice, quindi l’operazione è molto più veloce – ma non istantanea; diciamo che se prima c’è stato il tempo di preparare il pranzo e consumarlo, ora avete l’occasione di mettere i piatti in lavastoviglie.

 

clicca per ingrandire

Et voilà!. Marito e moglie possono usare lo stesso computer, Mac o Windows, e godersi la stessa libreria musicale. Ognuno di loro troverà nel proprio account tutta la musica della cartella iTunes Media, e potrà usarla e organizzarla come meglio crede.

 

I problemi però non mancano. A volte per esempio la seconda libreria non riconosce tutte le copertine e tutti i metadati correttamente. Non mi è ancora chiaro perché.

 

La complicazione assurda viene quando si aggiunge musica. Diciamo che Mario e Maria usano questa collezione. Maria compra un CD, lo inserisce nel computer e dice a iTunes di ripparlo così da aggiungerlo alla raccolta. Una cosa che dovrebbe essere facile, ma non lo è.

 

clicca per ingrandire

Infatti prima ancora di poterlo fare bisogna mettere mano alle impostazioni avanzate della cartella, e dare a tutti gli utenti del caso (Mario e Maria) il diritto di scriverci. Altrimenti non sarà possibile rippare il CD. Per farlo bisogna agire dal Finder, selezionare la cartella, aprire il menù contestuale, e modificare le impostazioni di condivisione. Un’operazione più facile in Windows che in Mac OS, tra l’altro.

Poi c’è il problema della copertina: se il disco non è in catalogo su iTunes Store, dovrete aggiungerla a mano. La cosa più semplice è cercare il titolo del disco in Google Immagini, e aprire una delle fotografie risultanti. Poi basta trascinarla direttamente dal browser (Safari, Chrome, Internet Explorer, Firefox) direttamente nella casellina corrispondente in iTunes.  Per far comparire quest’ultima, se non è già visibile, bisogna cliccare in basso a destra, sulla piccola freccia che punta verso l’alto.

 

A questo punto Maria ha aggiunto un disco alla collezione. Mario prende possesso del PC, mentre la moglie sta facendo addormentare la figlia piccola, e vuole ascoltare il nuovo disco con le sue amate cuffie. Ma il disco non c’è!

 

Bisogna infatti aggiungerlo un’altra volta. Trovare la cartella creata da iTunes dentro a iTunes Media/Music, e trascinarla di nuovo dentro alla finestra principale dell’applicazione – ma prima bisogna assicurarsi che sia tolta la selezione da “copia i documenti …” in preferenze, altrimenti si crea un duplicato.

 

Insomma, è piuttosto faticoso. Le condizioni da soddisfare per avere una situazione ideale sono:

a)    Quando si sceglie una cartella per i contenuti multimediali, iTunes aggiunge automaticamente tutti i contenuti.

b)    La cartella scelta è pubblica per gli utenti del computer, quindi non c’è bisogno di modificarne le proprietà.

c)     Se avvengono modifiche (aggiunta di un nuovo disco) iTunes si aggiorna automaticamente. Così Mario non dovrà aggiungere il nuovo CD manualmente.

 

Non tutte le colpe sono di Apple però. Almeno in parte queste difficoltà sono dovute anche alla questione dei diritti digitali. Se è troppo facile condividere una cartella infatti, è facile anche passarla a un altro utente, che non ne avrebbe diritto.

 

Però si potrebbe permette questa “condivisione facile” almeno per gli utenti di uno stesso computer. Sia con Windows che con Mac OS non è poi difficile identificare in modo univoco un PC, e fare in modo che un certo file non funzioni su una macchina diversa.

clicca per ingrandire

 

Sempre per proteggere il diritto d’autore le funzioni di condivisione offerte da Apple sono appena accettabili. Che usiate un server iTunes con hardware dedicato, oppure che condividiate una libreria in rete, potrete solo ascoltare i brani, senza nemmeno vederne le copertine. Una situazione poco o per nulla accettabile.

 

Conclusioni

Con le operazioni descritte è possibile creare una copia di sicurezza della propria libreria musicale, usare iTunes con un disco esterno, e soprattutto dare a due utenti dello stesso computer la possibilità di sfruttare al massimo la musica digitale che si ha a disposizione. Se invece di un hard disk esterno poi si usa un’unità di rete, si possono usare anche più computer.

 

Sono però operazioni complicate, ed è facile sbagliare. Apple potrebbe fare meglio, senza per questo violare le norme che proteggono il diritto di autore. Dopotutto se compro un CD chiunque in casa lo può ascoltare, e lo stesso dovrebbe valere per le copie digitali. E chi vuole usare copie illegittime di sicuro non si fa fermare da questi mezzucci.

 

La diffusione degli SSD sta però facendo segnare un’inversione di tendenza. Fino a poco tempo fa i computer nuovi erano sempre più capienti, mentre oggi quelli migliori hanno un SSD piccolo e costoso. Certo, gli SSD costeranno sempre meno, ma ci vorranno anni prima che un’unità da 750 GB sia “popolare”.

 

L’uso di un disco esterno per i dati personali di ogni tipo è quindi sempre più la norma, e questo fa sperare che i programmi multimediali accoglieranno questa variazione di contesto nel migliore dei modi.

 

Nel frattempo non resta che faticare. E tutto per sentirse un po’ di musica. Quasi quasi torno a usare i vinili… chissà dove li ho messi.

  • Pingback: Guida: iTunes con hard disk esterno e utenti multipli su PC o Mac | buonaguida.com()

  • Pingback: Guida: iTunes con hard disk esterno e utenti multipli su PC o Mac()

  • Pingback: Guida: iTunes con hard disk esterno e utenti multipli su PC o Mac | buonaguida.com()

  • Jacoricky

    Vorrei porre una domanda. Io ho una libreria Itunes su disco esterno. Quando collego l’Iphone, non mi fa importare le canzoni dalla libreria al cellulare. Come mai? Grazie.

  • Ciao. Di solito capita quando iTunes per qualche ragione non rileva il disco esterno. Capita più spesso con Windows che con Mac OS. Di solito si risolve chiudendo l’applicazione, scollegando e ricollegando il disco e poi riavviando iTunes. A volte però bisogna riavviare tutto il sistema. Fammi sapere se risolvi con questi metodi 🙂

  • Schiacciapietre

    quando apro itunes sul pc mi viene il contratto di licenza e appena klicco accetta mi viene una finestra con scritto”il file Lybrary à protetto, su un disco protetto oppure non hai accesso in scrittura su questo file. Come posso fare x risolvere il problema??? tantissime grazie a chi mi può aiutare
    antonio

  • Ciao Schiacciapietre

    ogni tanto capita che OS X faccia casino con i permessi di scrittura e lettura dei file. Apri il menù contestuale sul file della libreria, e nella scheda “informazioni” modifica le autorizzazioni. Può darsi che sia necessario ripetere più volte l’operazione, ma dovrebbe funzionare.